www.e-fad.it

voglio VEDERCI chiaro

 

Nella fruizione del mv tutto dipende da ‘ciò che si vede', l'esperienza è prima di tutto visuale; tuttavia la modalità di visualizzazione è diversa rispetto a quella del mondo fisico. Anche se si può impostare la visualizzazione in ‘mouselook', visualizzando direttamente ciò che ‘vede' l'avatar, questa è una modalità poco usata; la maggior parte degli utenti utilizza la visualizzazione da un punto di vista posteriore all'avatar, all'incirca all'altezza di un metro sopra la testa (vedi l'interessante articolo su worldwidearchitecture) e all'incirca della stessa misura indietro.

Con opportune ‘abilità' è possibile cambiare questa visuale, con un approccio che consente una visualizzazione di molto superiore, in termini di oggetti visualizzati, rispetto a quella del mondo fisico, anche se questa abilità è spesso appannaggio dei soli visitatori ‘esperti'.

Ciò, naturalmente, influenza la modalità di realizzazione architettonica dei mondi virtuali; non può, ad esempio, essere creato un ambiente alto 2.70 metri, come le nostre usuali abitazioni; aggiungendo un metro ai due e trenta dell'avatar, si ottengono 3.30, quindi il punto di visuale dell'avatar sarebbe sopra il soffitto, non consentendo di vedere nulla; ciò obbliga alla creazione di ambienti di una certa altezza e, di conseguenza, se si vogliono imitare ambienti fisici devono essere proporzionalmente cambiate le larghezze.

Lo stesso ragionamento vale per la creazione di ambienti angusti; se l'avatar risulta, spalle al muro e vicino ad esso, il punto di visuale può essere esterno all'ambiente, impedendo di fatto la visualizzazione. In questo caso non c'è rimedio (se non con pareti semi-trasparenti, vedi più avanti), l'importante è non creare ambienti così stretti che impongano l'uscita del punto di vista dalle pareti. Anche nel posizionare posti a sedere sarà meglio tenerli distanti dai muri.

La possibilità di inquadrare un oggetto ed ingrandirlo a piacere depone a favore della creazione di ambienti grandi con molti oggetti visualizzati, con il minor numero possibile di impedimenti alla visuale, in modo da consentire un'informazione diffusa, approfondibile, completa.

Come esempio, si pensi alla realizzazione di un ambiente di tipo pinacoteca in due modalità: nella prima una serie di ambienti dedicati per gruppi di quadri, nella seconda un unico ambiente che raccolga tutti i quadri, raggruppati in zone tematiche. La prima delle modalità, ottimale nel mondo reale, consente il raccoglimento, l'analisi del quadro nel contesto, il raffronto tra quadri dello stesso gruppo; il passaggio tra un quadro e l'altro è diverso rispetto al passaggio tra una zona e l'altra (nota a tableaux). La mobilità della persona fisica, la visualizzazione diretta, l'esperienza dell'ambiente giocano un ruolo fondamentale. Nei mv, la mobilità è minore, gli ambienti ristretti limitanti, è difficile avere la visione di insieme, più difficile ricostruire il senso del luogo/gruppo (nota: anche se in modo molto maggiore rispetto ad un sito web).La seconda modalità, ambiente grande, è sicuramente dispersiva nel mondo reale, mentre in quello virtuale consente lo sguardo d'insieme, l'analisi del singolo quadro (fino al dettaglio) e della zona dei quadri, la mobilità è favorita dall'assenza di pareti.

Ciò non vuol dire che si devono solo costruire ambienti grandi, ma che si possono inventare sistemi di rappresentazione dell'informazione che massimizzino le libertà dei mv rispetto a quelli fisici piuttosto che copiarli.

 

Ad un passo successivo, gli esempi di reflexive architecture  aiutano a capire come si possano inventare architetture nuove e cangianti al servizio dell'utente che utilizzino i pre-concetti del mondo fisico e le possibilità dei mv per veicolare in modo semplice ed efficace il messaggio.

Come spunto di riflessione propongo una pinacoteca rappresentata da un grande ambiente in cui viene teletrasportato l'utente, che sembra vuoto ad una prima analisi, costituito da sole colonne verticali di altezza simile all'avatar che riportano, sulle pareti, il nome della ‘zona' ed alcune miniature di quadri. Quando l'avatar si avvicina alla zona viene costruito in quel momento l'ambiente intorno/vicino all'avatar con pareti e quadri appesi, spiegazioni, collegamenti con siti web, guestbook e quant'altro utile alla comunicazione; le pareti sono semitrasparenti per consentire ad altri avatar la visualizzazione dell'ambiente creato, che si ‘distrugge' all'allontanarsi dell'utente.

Login / Newsletter

learning object
repository
second life

credits | contatti | mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | ricerca | referrer | dalla rete | dove siamo | iPhone
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer