www.e-fad.it

introduzione al learning object

Creare materali scorm: la tecnica dell’implementazione del run

E' indubbio che deve esistere una introduzione allo SCO; nonostante nella maggior parte dei casi venga scritto all'interno di un determinato corso, si deve pensare che possa finire in altri contesti.

Di conseguenza è bene che una introduzione generale ponga l'utente nelle condizioni di fruire il contenuto in modo ottimale.

Perchè questo possa succedere è bene che nell'introduzione siano presenti:

  • contesto: una parte che collochi l'oggetto di apprendimento in un contesto generale, e a partire dal generale giunga, per gradi, alla definizione puntuale dei contenuti presenti;

  • propedeuticità dello SCO nei confronti di altri argomenti seguenti;

  • prerequisiti per la fruizione: indicati in termini di competenze/conoscenze generali, senza far riferimento ad altri SCO, indicandone il grado di indispensabilità per ottenere la learning experience prefissata. Se sono presenti prerequisiti tecnici, per esempio per condurre le esperienze o per seguire i contenuti, vanno indicate; se sono necessari supporti particolari (testi, letture, etc) vanno indicati.

  • modalità di apprendimento consigliate: vengono indicati i tempi suggeriti, le modalità di esecuzione / lettura / test, il modo di seguire la linkografia, etc

  • indicazioni sui risultati della fruizione, che spiegano cosa è ottenuto con la esatta fruizione dello SCO, quale nuove conoscenze vengono apprese, che cosa si è in grado di fare.

  • indicazioni sulla modalità di test se presente, indicando la prosecuzione o meno in caso di test negativo

Login / Newsletter

learning object
repository
second life

credits | contatti | mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | ricerca | referrer | dalla rete | dove siamo | iPhone
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer